19
apr
Viaggiare sole. Sesta parte. Senza sentirsi sole.
redazione | gr
| viaggi & vacanze |

Se la decisione di viaggiare sole è stata sofferta e la scelta della meta non è stata semplice, la nostra partenza sarà entusiasmante e avrà il sapore della conquista. Consapevoli della grande libertà a nostra disposizione, saremo predisposte ad assaporare ogni istante del viaggio come un prezioso regalo fatto a noi stesse.

 

Essere bendisposte ad accogliere le novità è uno dei requisiti necessari per fare conoscenze. Con la dovuta cautela (si sa, la prudenza non è mai troppa quando si è donne e si è sole), sarà divertente essere aperte a incontri casuali, magari in fila davanti a un museo o in un momento di sosta in un bar o in un ristorante. Anche se non saranno amicizie profonde, le persone che si incontrano in queste circostanze possono rivelarsi gradite sorprese e ci faranno comunque trascorrere qualche momento in compagnia. Cerchiamo di non essere timide e di non nasconderci dietro un libro ogni volta che qualcuno sembra iniziare una conversazione.


Ph. Digital Vision
Ph. Digital Vision


 

Se siamo alla prima esperienza di viaggio avremo probabilmente scelto una meta rassicurante, come una località molto turistica. Qui è piuttosto facile conoscere altri turisti in albergo o durante tour organizzati.

Se invece ci sentiamo più viaggiatrici che turiste e desideriamo entrare in contatto con la cultura locale, dovremo organizzarci in maniera diversa. Innanzitutto imparando qualche parola nella lingua del paese che ci ospita, magari anche attraverso uno di quei libretti con frasi pronte a seconda delle situazioni. Sarà stimolante, divertente e i nostri sforzi saranno graditi.

 

Se non desideriamo aggregarci a gruppi organizzati, potremo rivolgerci a una guida privata. Ciò permetterà di personalizzare gli itinerari avendo accanto una persona del posto che ci potrà anche informare sulle abitudini della gente, indicare le zone meno turistiche e dare consigli sui locali da frequentare o da evitare.

Concludendo: lasciamo a casa un po’ della nostra timidezza, impariamo a sorridere e a essere amichevoli, e la maggior parte degli ostacoli per conoscere persone interessanti saranno superati.

 

Leggi la prima, seconda, terza, quarta  e quinta parte dell'articolo.









 
spacer
"&vAlt&"


Vicky La Perfida