18
apr
Corsa alla domenica mattina? Sì però...
contributo Cristina Regina - cristina.regina@allenamentofitness.com
| bellezza & benessere | eventi & week-end | fitness |

Sabato e domenica scorsa ho lasciato Parma e la mia attività di personal trainer per concedermi un weekend di relax lontano dalla routine lavorativa (palestra, allenamenti, studio, diete...) e godermi un paio di giorni di sole al mare. La mattina di domenica mi sono concessa quindi una bella passeggiata sul lungomare, in giro non c’era ancora tanta gente: un signore col giornale, gli operatori ecologici e i gestori dei bar e attività aperte e… eccoli qui… gli “sportivi della domenica”!

 




Sono quelle persone che durante la settimana, probabilmente perché troppo presi dal lavoro, dicono di non riuscire a fare attività. Allora, presi da rimorsi, scrupoli e comunque buona volontà, si infilano le scarpette da ginnastica (o da passeggio… ahimè!) pantaloncini e maglietta e si precipitano (letteralmente, dall’impeto con cui corrono) su qualsiasi superficie all’aria aperta.

 

Io li ammiro, davvero, perché tanta deve essere la loro voglia di stare bene, per “buttarsi giù dal letto” l’unico giorno di riposo e affrontare “da soli” un’attività magari sconosciuta come la corsa e lo stretching, nella tecnica, nei tempi, nella programmazione…

 

Ho visto tentare esercizi di riscaldamento con velocità inadeguate, range di movimento esagerati, esercizi per gli addominali che “spezzerebbero” la schiena a chiunque, torsioni velocissime inappropriate, stretching inutili perché eseguiti in modo totalmente errato… insomma più a danno che a vantaggio della salute.

Se anche voi potreste essere tra quelli che ho incontrato domenica mattina, brave/i per l’impegno, ma vorrei suggerirvi qualche miglioramento per la vostra attività motoria “saltuaria”.

 

- se potete, cerca di ritagliarvi un paio di momenti in più durante la settimana per potervi dedicare alla corsa, a un giro in bici, a una semplice passeggiata all’aria aperta, e rendete un po’ più frequente il “movimento”: di volta in volta vi riuscirà sempre meno faticoso, evitando sbalzi pericolosi al vostro sistema cardiorespiratorio.

 

- prima di iniziare qualsiasi attività aerobica (jogging, corsa, bici) dedicate i primi 5 minuti al riscaldamento, cioè: camminate velocemente prima di correre o pedalate piano, poi progressivamente più velocemente, per permettere al vostro organismo di “mettere in moto” tutta la macchina “corpo”, che non può passare da 0 a 1000 senza riportare danni!

Ricordate che non c’è bisogno di dimenarsi come morsi da tarantola per scaldarsi…

 

- indossate abiti che siano comodi, che vi permettano movimenti in libertà e che siano traspiranti (esistono materiali studiati appositamente per l’attività all’aperto che consentono al sudore di non restare appiccicato addosso, causando fastidiosi raffreddamenti). Abbiate cura, se siete dei “corridori”, di calzare scarpe adeguatamente ammortizzate; ne esistono di ottima qualità anche a prezzi accessibili, senza mettere a repentaglio i vostri muscoli e la vostra schiena!

 

- consiglio di utilizzare sempre il cardiofrequenzimetro che vi aiuterà a mantenere la frequenza cardiaca entro un range ottimale, per garantirvi un lavoro proficuo e in sicurezza.

 

- evitate esercizi di cui non conoscete l’esecuzione corretta, meglio non fare, piuttosto che creare danni!

Per esempio, descrivo un esercizio base per allenare gli addominali: da sdraiato/a con le gambe piegate a terra, le mani portate alla base della nuca con i gomiti aperti, inspirate profondamente poi iniziate a svuotare tutta l’aria che avete dentro, contraendo bene l’addome (tirate dentro l’ombelico e pensate di entrare in un paio di pantaloni di due taglie in meno..). Quando avrete la sensazione di “sgonfiarvi” del tutto, sollevate gradualmente le spalle fino a sotto le scapole, fermatevi un attimo, poi lentamente ritornate in posizione supina, inspirando. Ripetete l’esercizio, sempre accompagnandolo accuratamente con la respirazione.

 

- per “allungare” i muscoli a fine seduta non dimenticatevi di dedicare almeno 10 minuti allo stretching!

 

- ricordatevi che se pensate di impegnarvi in modo continuativo in un’attività motoria che vi piace e vi può portare a migliorare la vostra forma fisica, una buona pianificazione è fondamentale. Per riuscire a ottenere buoni risultati occorre ottimizzare la tecnica, i tempi e i metodi e un personal trainer può senz’altro rendere i vostri sforzi meno faticosi e la vostra meta più vicina.

 

Se volete condividere dubbi, commenti, richieste di informazioni, scrivetemi a cristina.regina@allenamentofitness.com, sarò lieta di rispondervi!

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: 

Segui il tuo cuore... con il cardiofrequenzimetro! 

Cinque errori da non fare, se vuoi dimagrire! 

Una SPA in un ex convento... benessere di corpo e anima. 

 









 
spacer
"&vAlt&"


Vicky La Perfida