Menu
Tablet menu

Dietro la finestra In evidenza

Abitare in città offre molti vantaggi, soprattutto se si abita in un quartiere ben servito: scuola, supermercato, parco pubblico, centro commerciale ecc. Anche se amo la campagna e il relax che può offrire, la vita di ogni giorno è più facile quando si può evitare di passare ore in macchina per andare al lavoro, portare e riprendere i figli da scuola, fare la spesa ecc. e tutto questo si traduce in qualità di vita.

Non mancano però i lati negativi, tipici delle grandi città densamente popolate: traffico, rumore e smog. D'altronde non si può avere tutto!

Altro fattore che determina la qualità della nostra vita è l’inquinamento acustico al quale siamo sottoposti, in particolare in città. Ricordo che uno degli aspetti che mi ha colpito molto quando ho traslocato nella casa nuova è stato l’improvviso, meraviglioso “silenzio” che vi ho trovato (malgrado fossi in prossimità di una strada molto trafficata, nonché snodo nevralgico verso il centro). Non era una magia, bensì il “potere” degli infissi nuovi: infissi in pvc. Nella casa vecchia avevo delle finestre molto belle, ma di legno che, oltre a non avere una tenuta termica come le attuali, non isolavano acusticamente l’appartamento. Questo significava sentire l’autobus alla fermata, il traffico delle macchine, il vicino che apriva il cancello e così via (ovviamente anche nel cuore della notte).

 

Non avevo mai dato particolare valore all’infisso, ma l’esperienza diretta è stata illuminante, tanto che ho convinto un’amica che stava ristrutturando casa a cambiare le finestre con degli infissi in pvc  che, tra l’altro, si adattano molto facilmente a qualsiasi stile della casa: basta ordinarli nel colore preferito (o quello previsto dal condomino) e si possono anche avere bicolore, ad esempio bianchi esterni ed effetto legno interno, proprio nel caso in cui ci sia un vincolo di condominio, ma si desideri avere un colore personalizzato all’interno.

Ad esempio adesso va molto di moda il nero, stile industriale, ma invece di usare infissi di ferro (che dal punto di vista delle prestazioni non sono consigliabili) potete farli in pvc nero ed otterrete il medesimo effetto visivo.

Oppure l'antracite è un'altra soluzione molto elegante e perfetta per la città perché si vede poco lo sporco e la polvere creata dallo smog.

Anche se, per un appartamento, il bianco rimane sempre la scelta più strategica, poiché è più facile da adattare a pareti colorate o bianche e arredi di vario stile, mentre altre colorazioni più particolari potrebbero legare decisamente di più. Non c’è da temere per la pulizia perché la manutenzione è semplicissima: si puliscono con un po' di detergente e non richiedono la manutenzione annuale del ferro o del legno (vernici, olii o creme) che, se esposti a sole ed intemperie, devono essere periodicamente trattati, altrimenti si crepano o danneggiano.

Un altro considerevole vantaggio è l’abbattimento dei costi di riscaldamento e raffrescamento, visto che quelli a taglio termico, come i miei, garantiscono un perfetto isolamento con l’esterno e quindi un risparmio energetico considerevole.

Insomma, "dietro la finestra" c'è un mondo da scoprire! 

Vota questo articolo
(1 Voto)
Torna in alto